Home » Recensioni » Romanzi » In Italia

In Italia

Recensione de “I Viceré” di Federico De Roberto

Federico De Roberto, I Viceré, Garzanti

Se con il termine classico intendiamo definire opere che per universalità degli argomenti trattati, radicalità dei nodi problematici affrontati e inevitabilità dei quesiti posti travalicano i secoli e si offrono, intatti, alla sensibilità del pubblico di ogni tempo, allora, senza dubbio alcuno, I Viceré di Federico De Roberto è un classico. La storia è quella di una nobile famiglia catanese in declino, quella degli Uzeda di Francalanza; il periodo quello risorgimentale, ma al di là della connotazione temporale e geografica, quel che rende meraviglioso, affascinante, unico (e, mi permetto di aggiungere, irrinunciabile) il romanzo è l’attualità del quadro politico rappresentato, e dei personaggi che – nel bene come nel male – lo animano. Niente, davvero niente di sostanziale, di essenziale, sembra cambiato dal 1894 (anno di pubblicazione del romanzo) a oggi nella vita istituzionale italiana, che per intero vive nel lucido, tagliente sfogo finale di Consalvo Uzeda. Pagine di letteratura che sarebbe bene studiare a scuola; parole che hanno il pregio, rarissimo, di radicarsi nell’anima del lettore, di abitare con lui. Quel che la politica è nel nostro tempo e nel nostro Paese è perfettamente descritto e spiegato ne I Viceré. Colpa dell’Italia, dirà qualcuno con ragione, realtà immobile, morta gora. Colpa dell’Italia, certo, ma una colpa che nulla toglie alla grandezza di De Roberto e che anzi, proprio attraverso lo sguardo di noi moderni, ne esalta l’implacabile lungimiranza.

Leggete De Roberto, è un tesoro prezioso.

2 commenti su “In Italia”

  1. Pingback: In Italia — Il Consigliere Letterario | l'eta' della innocenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *