Home » Recensioni » Giallo » E nessuno ne restò

E nessuno ne restò

Recensione di “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie

 

Agatha Christie, Dieci piccoli indiani, Mondadori

Se siete attratti da racconti e romanzi gialli e volete innamorarvene una volta per tutte, l’autrice da leggere è senza dubbio Agatha Christie. Su di lei è stato detto talmente tanto che non provo nemmeno a scrivere qualcosa di originale. Mi limito a elencare i pregi della sua scrittura: intrecci perfetti, ottime ambientazioni, caratterizzazioni indovinatissime (e non mi riferisco ai suoi personaggi di maggior successo, come Poirot e Miss Marple, ma a tutti gli altri), humour raffinato e pungente, insuperabile tecnica narrativa.

Non a caso, come ben scrive John G. Cawelti, “Agatha Christie si è meritatamente guadagnata l’appellativo di “regina del giallo” […] grazie soprattutto alla notevole ingegnosità delle sue strutture di “indagine e inganno”. Ecco un esempio: un uomo ricco e potente, commettendo un delitto nel passato, ha reso solida la sua posizione sociale. Con l’aiuto di una complice è riuscito a impedire che il delitto fosse scoperto ed è divenuto un uomo con grandi responsabilità e dalla forte influenza. La sua complice gli è rimasta fedele e insieme sono stati in grado di nascondere il loro passato e la loro relazione a tutti i loro conoscenti attuali. L’intreccio giallo ha inizio quando una persona, che conosceva il colpevole o la sua complice in un periodo precedente, entra in scena e sconvolge la situazione minacciando di svelare come stanno le cose. Il testimone del passato, senza volerlo o di proposito, mette al corrente dei fatti un ricattatore senza scrupoli il quale minaccia il colpevole e la sua complice. Essi decidono di uccidere il testimone e il ricattatore, mettendo a punto un piano ben costruito che sfrutta a pieno la capacità di travestirsi della complice. Per assicurarsi di non venire scoperti, il colpevole e la complice non solo trovano abilmente un innocente capro espiatorio, ma fanno in modo che uno di loro risulti fra le vittime designate dell’assassino […]. L’ingegnosità di questa struttura è evidente, infatti fornisce non soltanto l’espediente adatto al compimento del delitto (il travestimento) e un notevole spazio per dei diversivi, ma, cosa ancor più importante, rende anche possibile il tipico rovesciamento dei presupposti, fondamentale per uno schema basato sull’inganno che sia davvero efficace”. Prendendo le mosse da qui, non resta che un ultimo passo da fare per innamorarsi perdutamente del genere (e della Christie, naturalmente); lasciarsi conquistare dalla lettura di quel piccolo gioiello di perfezione letteraria che è Dieci piccoli indiani (in Italia pubblicato da Mondadori nella traduzione di Beata Della Frattina).

Dieci piccoli indiani è un autentico capolavoro di genere, un romanzo che avvince dalla prima allultima pagina, avvolgendo il lettore in un’atmosfera di crescente tensione e insinuandogli, per mezzo della sistematica eliminazione dei protagonisti del racconto, “prigionieri” loro malgrado su un’isola e vittime di una geniale macchinazione, un opprimente senso di claustrofobia (vi viene per caso in mente la serie televisiva Lost? Pensate che la prima edizione del volume data 1939…). I personaggi, che Agatha Christie disegna con estrema precisione, indugiando sui loro caratteri, facendoli scoprire poco a poco, quasi che coloro che leggono siano giurati chiamati a decidere della loro innocenza o colpevolezza, sono il cuore stesso del romanzo; è infatti intorno a loro, alla loro spavalderia, alla loro angoscia, alla rabbia, alla fredda morsa del terrore che sempre più li attanaglia, alla disperazione cui si abbandonano, che la vicenda si dipana, stringendosi, come si stringono le spire di un serpente sulla malcapitata preda, volta a volta su ciascuno, custode di un innominabile segreto.  

In una parola, Dieci piccoli indiani, come forse nessuna altra opera riesce a fare, è un libro che mette paura, e lo fa senza ricorrere a spargimenti di sangue né a gratuite violenze. Lo fa, invece (vero e proprio colpo di genio), a partire dalla filastrocca che preannuncia lo svolgersi degli eventi.

Eccovela. Buona lettura.

Dieci poveri negretti
se ne andarono a mangiar:
uno fece indigestione,
solo nove ne restar.
Nove poveri negretti
fino a notte alta vegliar:
uno cadde addormentato,
otto soli ne restar.
Otto poveri negretti
se ne vanno a passeggiar:
uno, ahimè, è rimasto indietro,
solo sette ne restar.
Sette poveri negretti
legna andarono a spaccar:
un di lor s’infranse a mezzo,
solo sei ne restar.
Sei poveri negretti
giocan con un alvear:
da una vespa uno fu punto
solo cinque ne restar.
Cinque poveri negretti
un giudizio han da sbrigar:
un lo ferma il tribunale,
quattro soli ne restar.
Quattro poveri negretti
salpan verso l’alto mar:
uno un granchio se lo prende,
e tre soli ne restar.
I tre poveri negretti
allo zoo vollero andar:
uno l’orso lo abbrancò
e due soli ne restar.
I due poveri negretti
stanno al sole per un po’:
un si fuse come cera
e uno solo ne restò.
Solo, il povero negretto
in un bosco se ne andò:
ad un  pino s’impiccò
e nessuno ne restò.

3 commenti su “E nessuno ne restò”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *