Vai al contenuto
Home » Recensioni » Dramma » Pagina 3

Dramma

Recensioni di libri di genere dramma a cura de “Il Consigliere Letterario”.

Le parole giuste


Recensione di “La pazienza del sasso” di Carmela Scotti

recensione - carmela scotti - la pazienza del sasso

Carmela Scotti, La pazienza del sasso, Garzanti

E se fossimo fatti della stessa sostanza dei sentimenti che proviamo? Se la nostra natura, la nostra essenza, quel che davvero siamo fosse una cosa sola con le emozioni da cui siamo abitati? Se non fossimo altro che ciò che riusciamo a sentire?
Leggi tutto »Le parole giuste

Una distruttiva volontà di bellezza


Recensione di “Tre balletti senza musica, senza gente, senza niente” di Louis-Ferdinand Céline

recensione - louis-ferdinand céline - tre balletti senza musica, senza gente, senza niente

Louis-Ferdinand Céline, Tre balletti senza musica, senza gente, senza niente, Archinto

“Quando nel 1937, Céline si appresta a scrivere Bagatelles pour un massacre [recensito in questo blog], il suo curriculum di scrittore già annovera due romanzi capitali, Viaggio al termine della notte e Morte a credito [recensiti anch’essi], ma continua a esercitare la professione medica nel dispensario di Clichy, alla periferia di Parigi. Leggi tutto »Una distruttiva volontà di bellezza

Con la lancinante esattezza di un sismografo


Recensione di “Addio a Berlino” di Christopher Isherwood

recensione - addio a berlino - christopher isherwood

Christopher Isherwood, Addio a Berlino, Adelphi

Immaginate una catastrofe di immani proporzioni descritta esclusivamente attraverso dettagli apparentemente secondari; immaginate l’eruzione di un vulcano o la devastazione causata da maremoto riassunti in uno sguardo
Leggi tutto »Con la lancinante esattezza di un sismografo

Una fermezza adamantina


Recensione di “Il dottore e i diavoli” di Dylan Thomas

recensione - il dottore e i diavoli - dylan thomas

Dylan Thomas, Il dottore e i diavoli, Einaudi

Edimburgo, XIX secolo. Robert Knox, chirurgo di fama e apprezzato professore di anatomia, è uno scienziato, uno specialista, un “materialista per cui il cuore […] è un complicato organo fisico e non ‘la sede dell’amore’, un uomo per cui l’anima, poiché non ha forma, non esiste”.
Leggi tutto »Una fermezza adamantina

A proposito di qualcosa che ho scritto


Recensione di “L’occaso” di Paolo Vitaliano Pizzato

recensione - paolo vitaliano pizzato - l'occaso

Paolo Vitaliano Pizzato, L’occaso, Prospero

Chiariamolo subito: l’occaso è il tramonto; meglio, quel momento indefinito in cui il sole è già calato dietro l’orizzonte mentre la sera comincia a sostituire l’ultima luce. Un momento di transito, insomma; di assenza e di presenza.
Leggi tutto »A proposito di qualcosa che ho scritto

Sussurlo


Recensione di “Storia del pianto” di Alan Pauls

recensione - Alan Pauls - Storia del pianto

Alan Pauls, Storia del pianto, Fazi

La vita di un bambino, e poi di un uomo, e quella di un Paese intero. E forse la vita di un bambino, e poi di un uomo, e quella del mondo. La storia, probabilmente incolore (ma è davvero così?), di un singolo e quella di tutti; l’intreccio, improvviso e stupefacente, tra la più comune delle azioni (del tempo trascorso davanti alla televisione in compagnia di un amico) e un evento di straordinaria importanza
Leggi tutto »Sussurlo

ADC


Recensione di “Nel sacco” di Sol Yurick

recensione - Sol Yurick - Nel sacco

Sol Yurick, Nel sacco, Feltrinelli

“Joyce voleva svegliarsi dalla storia; io vorrei svegliarmi dalla mitologia”. Questa risposta, data nel corso di un’intervista, riassume il senso del fiammeggiante romanzo politico Nel sacco (in Italia edito da Feltrinelli nella traduzione di Lydia Corgiat), nel quale Sol Yurick – noto al grande pubblico per I guerrieri della notte, diventato un film di culto –
Leggi tutto »ADC